Incremento di demenza

Da: Vigo di Fassa
A: Livigno
Km parziali: 208
Km totali: 1078
Posti: Parco Minigolf Pozza, Passo dello Stelvio
Notte: Livigno
Temperatura: 13 – 28
Meteo: Sereno
Note:

Purtroppo è già volata una settimana di meritata vacanza ed oggi bisogna fare il trasferimento da Vigo di Fassa a Livigno, per risistemare la casa prima di partire, Yobby si sveglia presto al mattino e davanti agli occhi si presenta una scena incresciosa: Tomma svenuto sul tavolo dalla stesura del blog della sera prima.

01_DSC2270

Poco dopo colazione, come da consolidata tradizione, il gatto locale si abbandona ad uno struggente saluto a Davide.

02_DSC2275

Cominciano i preparativi e Yobby in men che non si dica finisce di riordinare casa…

03_DSC2277

… mentre gli uomini di casa si occupano di compattare senza pietà le valigie nel bagagliaio.

04_DSC2278

La tattica per fare un trasferimento più tranquillo possibile verso Livigno è un classico di famiglia Tomassini: stancare e sfiancare fino quasi al collasso Davide, per ridurlo ad una ameba informe dormiente non appena posizionato in macchina.

Il parco giochi del Minigolf di Pozza di Fassa è perfetto per questo scopo!

05_TOM4918

06_TOM4928

Durante la mattinate si ha anche l’occasione di salutare gli amici Paola, Jerome, Amelie e Sophie trapiantati da Genova a Vigo di Fassa.

07_TOM4942

Poco prima di pranzo, per allietare al meglio e far venire ancora più appetito, Tomma e Davide si danno ad una forbitissima lettura.

08_DSC2303

Per sincronizzare al meglio gli orari, di decide di mangiare ad orari più consono ad un reparto di geriatria piuttosto che ad un parco giochi, ma la programmazione non fa sconti. Nonostante l’orario, i morti di fame si avventano come belve sbavanti sui panini.

09_DSC2317

Alle 13 circa si parte e bastano pochi km di strada per vedere Davide svenuto. Non si è ancora raggiunto il passo di Costalunga e il primo risultato si è ottenuto.

09IMG_3405

I km totali di oggi non sono molti rispetto alle abitudini suicida dei Tomassini, ma dopo il Costalunga i passi da effettuare sono ancora 3, tutti ben sopra i 2000 metri e il primo da affrontare è nientemeno che lo Stelvio, tanto per mettere a dura prova lo stomaco tra gli 84 tornanti del passo più alto d’Italia.

Tomma naturalmente affronta la scalata alla cima coppi della vacanza come se fosse ancora in moto, spingendo la modo come tra l’invasato e il mentecatto, sballottando Davide a tal punto da svegliarlo prima dell’ultimo tratto.

Gli insulti di Davide allo sconsiderato padre rendono necessaria una sosta intermedia di acclimatamento, con tanto di pediluvio e bagnetto alla mucca con acqua leggerissimamente freschina.

10_TOM4949

Ancora pochi tornanti e lo Stelvio è finalmente conquistato con orgoglio per la prima volta da Davide.

11_TOM4961

I 22°C a 2760 metri invitano comunque a farsi un giretto per i negozi, riuscendo a mostrare una ridottissima capacità polmonare da pippe squallidissime.

12_TOM4962

Davide probabilmente colto da ipossia da elevata altitudine, tenta di costruire il primo pupazzo di neve della stagione.

13_TOM4979

Intanto Tomma, già seriamente segnato dalla ascesa allo Stelvio senza moto, completa la tragica giornata non prendendo il mitico panino con la salsiccia: tali disgrazie ormai lo rendono un uomo distrutto e verrà abbandonato in un fossato come cibo per corvi.

14_TOM4986

Riordinate e idee e raccolte le ultime forze, si discende per affrontare in rapida serie i passi di Foscagno e di Eira, in modo così da raggiungere prima di sera la casa a Livigno, già conquistata dai nuovi compagni rinforzi di demenza in arrivo da Genova: i Panetta che, come preti burloni e giocosi, non si fanno trovare in casa, lasciando anche Davide in trepida attesa del loro rientro.

15_DSC2334

Ma senza dover attendere troppo, ecco giungere i rinforzi per seminare terrore e distruzione per il paese di Livigno.

16IMG_1437

Visto che la fame non è mai abbastanza, si decide di fare un giretto per aumentare a dismisura lo sbrano dei 7 componenti della compagnia di squilibrati.

17_TOM4988

Le 1000 fontane di Livigno sono un ottima occasione per dimostrare quanto i in questione siano più vicini a canidi rognosi che a esseri umani.

18_TOM4993

19_TOM4997

Ancora una sessione intensiva di giochi e si può fare ritorno a casa.

20_TOM5000

Yobby e la Ale attaccano la cucina ed in men che non si dica la cena è servita.

21_DSC2339

Non paghi della lunghissima giornata, i Panetta decidono di andare a vedere le stelle cadenti, ottimisti ma forse troppo poco ubriachi per completare a dovere il proprio obiettivo.

22_DSC2340

Cadono le stelle e passano le ore… e dei Panetta non si hanno più notizie, probabilmente colti in pieno all’improvviso da un asteroide. Domani mattina si scoprirà se saranno mai riusciti a ritrovare la via di casa… magari utilizzando la stella cometa, giunta in anticipo richiamata dalla neve di Davide.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...