Pendenza mortale

Da: Vigo di Fassa
A: Vigo di Fassa
Km parziali: 29
Km totali: 870
Posti: Le Cune, Rifugio Malga Bocche
Notte: Vigo di Fassa
Temperatura: 11 – 17
Meteo: Nuvoloso
Note:

Il risveglio solitamente è sinonimo di brioche sbranate e fiumi di caffèlatte ingurgitati, ma oggi le grandi operazioni alimentari sono rallentate drammaticamente dalla lettura del blog della sera prima. Resta così il solo Tomma a compiere razzie in cucina…

01_DSC2251

L’appuntamento di oggi con i Ferrero (ormai coinvolti senza ritegno nella demenza vacanziera) è ai piedi delle funivie per l’alpe Lusia che conducono in men che non si dica ai 2200 metri di Le Cune.

02_TOM4790

Il riscaldamento per il lungo itinerario odierno prevede scivolate a volontà…

03_TOM4796

… ed anche un po’ di altalena sincronizzata con il compagno di casini Andrea.

04_TOM4799

Si parte all’insegna dell’ottimismo, che alla lunga non verrà minimamente ripagato, lasciando segni indelebili nel fisico di tutti i camminatori.

05_TOM4804

Dopo poche centinaia di metri dalla partenza la strada sembra sparire nel nulla… preludio ad una discesa insensata che sembra più un muro da affrontare in cordata. Peccato che il ritorno sia la stessa strada dell’andata e che il discesone dovrà essere ripercorso al contrario…

07_TOM4819

Al termine della rotolata giù per la discesa, l’umore è comunque alto e Davide prende la fuga per andare in testa al plotone.

08_TOM4830

Tutto questo esercizio (anche il nano ha voluto provare l’ebbrezza di discendere il muro) mette fame, ma per fortuna il rifornimento di tappa arriva puntuale a dare energie nuove.

09_TOM4832 10_TOM4841

A metà itinerario un malcapitato gregge di pecore ha la malsana sfortuna di incrociare la strada di Yobby e Davide: i 2 non ci pensano 2 volte e si gettano alla rincorsa dei poveri animali gridando come scozzesi invasati assetati di sangue in un attacco capitanato da Braveheart.

11_TOM4844

Davide nel mentre si addormenta e lascerebbe via libera per un repentino cambio di andatura ma la rincorsa al rifugio di fine percorso viene miseramente funestata da Andrea che per oggi decide di intraprendere una lotta personale contro le proprie scarpe, perdendo miseramente in confronto con i lacci che regolarmente si slacciano ogni 10 metri.

12_TOM4852

Al superamento del guinness di primati nella disciplina delle scarpe slacciate, Stefano minaccia il figlio di una morte immediata e violentissima.

13_TOM4850

Nonostante tutto, dopo 2 ore e mezza di camminata, i primi asinelli preludono alla fine dell’itinerario. L’asinello ne approfitta per fare un selfie con Yobby.

14_TOM4855

Anche qui a Malga Bocche il paesaggio verso le Pale di San Martino è da togliere il fiato…

15_TOM4903

… ma altrettanto al solito tutto il gruppo decide di fregarsene senza pietà, in vista di un lautissimo pranzo.

16_TOM4868

Durante il pranzo c’è anche modo di fare un tributo storico al mitico e irraggiungibile wusterone norvegese…

17_TOM4866

… e anche di proseguire nella personale campagna di Yobby e Ornella di devastare definitivamente il proprio fegato con cascate di alcol.

18_TOM4865

Famelici come leoni della savana, gli asinelli nel mentre partono all’attacco di carne fresca e cicciottella, rappresentati nella fattispecie dal panzone poco buontempone Tomma, che tenta disperatamente di salvarsi, offrendo Davide come sacrificio all’dell’animale.

19_TOM4870

Per fortuna Davide, molto più saggio e lungimirante del padre, riesce a trovare una soluzione alternativa.

20_TOM4877

Ormai non c’è che il tempo di appesantirsi ulteriormente per il ritorno con un dolce di una pesantezza tale da poter affondare un translatantico.

21_TOM4891

Il rientro scorre veloce raccogliendo frutta salutare per mascherare pietosamente l’appena avvenuto disastro calorico del pranzo.

22_TOM4905

Il gruppo unito e soprattutto incurante macina alla grande gran parte del percorso del rientro, almeno fino al salitone mortale. La pendenza con valori che superano i 90° colmano con distanza minima 250 metri di dislivello che stroncano la voglia di vivere di tutti i componenti della spedizione.

23IMG_3352

Al termine della salita, purtroppo, l’infarto ed il collasso di tutti gli organi interni sono assolutamente inevitabili. Uno ad uno decedono pietosamente tutti…

24IMG_3379

Tutta questa fatica giustifica senza mezzi termini il consumo di un bidone alcolico sotto forma di calimero. E’ in questo momento che si subisce una delusione infinita: Ornella su cui si appoggiano tutte le speranze degli alcolizzati cronici di tutto il mondo, prende una banalissima cioccolata calda.

25_TOM4907

Si conclude la discesa e si torna alla macchina, dove Davide può finalmente dare fondo al risultato della sua sudatissima raccolta pomeridiana, ovviamente sporcando di indelebile fragolina di bosco tutti gli interni della macchina.

26_TOM4909

Anche Yobby decide di godersi un immeritatissimo antipasto… manco a dirlo con il suo amato speck!

27_DSC2253

Anche la difficile e faticosa giornata di oggi volge al termine e per premiarsi ci si regala un’ultima pizza tutti in compagnia, dando ancora una volta lustro delle proprie orribili abitudini alimentari.

28_DSC2262

E’ tempo di salutare i Ferrere, prodi ed alcolizzati compagni di scorribande in val di Fassa: da domani comincerà una nuova avventura con nuovi (nuovi si fa per dire) protagonisti che arriveranno a dare manforte alla deficienza cronica di Tomma, Yobby e Davide.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...