Texel: spiagge e bestiame

Per quanto con la parola “bestiame” del titolo di oggi non sia un riferimento esplicito ai 3 protagonisti del viaggio, la colazione di oggi dimostra fin dall’inizio della giornata che tutto sommato questo epiteto può essere applicato anche a Tomma e Yobby. I 2 morti di fame (tra l’altro Tomma con gravi problemi di obesità in aumento) si abbattono come uno sciame di locuste sul buffet riempiendosi vassoi, tasche e zaini di qualunque cosa, evidentemente assicurandosi la sopravvivenza in caso di guerra termo nucleare globale.

01_IMG_1407.jpg

02_IMG_1408.jpg

Accumulate sufficienti calorie per intraprendere una passeggiata di qualche migliaio di km, rotolando come tacchini ripieni del giorno del ringraziamento si raggiunge nuovamente la zona del faro di Texel, non visitata proprio benissimo il giorno prima.

03__TOM1402.jpg

04__TOM1430.jpg

05_IMG_3108.jpg

Anche oggi il vento è forte, ma non raggiunge i livelli insopportabili di ieri: nonostante le vie respiratorie vengano subito riempite di sabbia, si riesce a godere per tutta la mattinata della spiaggia accanto al faro. Solo Daddy palesa un fastidio ingestibile che lo porta ad avere un abbigliamento più consono ad una rapina in banca.

06__TOM1445.jpg

Il fenomeno della bassa marea in questo posto gioca simpatici scherzi: Yobby all’improvviso affonda irrimediabilmente nelle sabbie mobili, che invece di ottenere un pronto aiuto, viene schernita puerilmente da marito e figlio senza cuore.

07__TOM1465.jpg

L’ultima attività sulla spiaggia è la demenziale ricerca di conchiglie, operazione che causerà un incremento del peso della valigia del 500% e una dislocazione alle vertebre di Tomma che sarà costretto a trascinarla durante il viaggio.

08__TOM1490

La ricerca, tra l’altro, qui non risulta particolarmente difficile… Tomma ringrazia!

09_IMG_3116.jpg

Per il pranzo, pasto completamente immotivato dato l’accumulo di alimenti ingeriti a colazione, ci si sposta nel paesino di Oudeschild, dove si trova un meraviglioso parco giochi, ideale per distrarre il piccolo mostro.

10_IMG_1445.jpg

11_IMG_1420.jpg

Daddy per l’occasione decide di consumare il panino sottocoperta…

12_IMG_1422.jpg

… prima di dare sfogo alle energie.

13_IMG_1429.jpg

14_IMG_1433.jpg

15_IMG_1440.jpg

16_IMG_3159.jpg

Provato ognuno dei circa 150 giochi presenti, si può andare all’ultima meta di giornata, che risulta essere un vero paradiso per Daddy… e soprattutto Yobby: la fattoria delle pecore di Texel!

17__TOM1516.jpg

Se già il fatto di poter accarezzare ogni tipo di bestia presente provoca un sovraccarico dei poveri neuroni dei due, la zona dei cuccioli da tenere in braccio provoca  con un embolo da sovra eccitamento.

Daddy conquista subito un agnellino nero, una delle sue passioni…

18__TOM1521.jpg

… ma mamma Yobby subdolamente si avvicina al povero figlio ignaro delle sue intenzioni…

19__TOM1540.jpg

… finchè all’improvviso gli sottrae con cattiveria inaudita il bestiame, tenendoselo tutto per se.

20__TOM1543.jpg

Daddy, deluso dal comportamento puerile della madre, di vede costretto a cambiare animale, testando tra l’altro quale potrebbe essere la possibile cena, a cominciare da un delicatissimo pulcino…

21__TOM1562.jpg

… già impugnato nel verso giusto per tirargli il collo.

22__TOM1546.jpg

Accortosi della poca sostanza del volatile, Daddy vira deciso sulla costina di agnello (evidentemente già terrorizzato).

23__TOM1572.jpg

Nel mentre si perdono le tracce di Yobby che si perde nella fattoria nell’intento di fare ritratti a tutte le bestie presenti nella fattoria. Tomma, una volta scoperta la scena pietosa, disapprova sullo sfondo.

24__DSC7212.jpg

Fatto il pieno di animali, si può tornare soddisfatti in ostello, dove riposare e prepararsi per lo scempio del primo pranzo della vacanza senza consumare avanzi come disperati scappati di casa.

25_IMG_1461.jpg

Certo, il buffet dell’ostello è un’altra occasione per riempire gli stomaci con dimensioni molto vicine al dirigibile.

Terminata la cena, con estrema difficoltà si scala l’unica rampa di scale in circa tre ore di sofferenze inaudite e si raggiunge a fatica la stanza per svenire a letto.

Da: Den Burg (Texel)
A: Den Burg (Texel)
Km parziali: 48
Km totali: 347
Posti: Vuurtoren
Oudeschild
Fattoria Schapenboerderij
Notte: Stayokay Texel
Temperatura: min 18 max 22
Meteo: Nubi sparse
Note: Vento leggermente meno abominevole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...