Deja vu

Da: Bergen
A: Sandnes
Km parziali: 461
Km totali: 2454
Tempo: Pioggia
Trattativa Smiling: Ultima proposta di rinnovo

La giornata di oggi è all’insegna del deja vu…delle cose già viste e già vissute.

E’ solita la sveglia all’alba (e qui l’alba sorge orrendamente presto) per prepararsi a partire prima possibile vista la quantità di chilometri da fare entro le 17. La colazione si completa con la solita dose di voracità

e la riserva aurea di cibo per la giornata è assicurata.

Si sale subito in moto e neppure il tempo di lasciare Bergen che il TDM riscopre il proprio feeling con il terreno norvegese: all’inchiodata improvvisa della macchina che precede e Tomma inchioda anch’esso, ma l’asfalto pitturato e bagnato dalla pioggia fa scomporre la moto.

La moto si ferma, ma in una posizione inclinata degna di una curva da moto gp… Tomma tenta di tenere su la baracca, ma la gravità ha la meglio… la moto è per terra ma con una precisione tale da non avere danni, eccetto la leva del freno leggermente piegata .

Non c’è tempo di piangere sul latte versato e si riparte… si devono affrontare 430 km per arrivare a prendere il traghetto sul Lysefjord. Peccato che cominci a piovere dal km 0…

La cosa si fa ancora più difficile quando una safety car fa perdere a Tomma e Roby una mezzora per percorrere un tratto di strada ad una velocità neppure sufficiente a stare dritti con la moto.

Dopo aver percorso due fiordi, la strada comincia a salire: saranno tre gli altopiani percorsi oggi, tutti ad una altezza superiore a 1000m e di una freschezza entusiasmante.

Al termine del primo, già mezzi ibernati, ci si ferma ai pit stop per fare rifornimento di cibo e beveroni bollenti.

Anche il secondo altopiano viene divorato

Ed arriva il momento di affrontare il terzo, quello più spettacolare dal punto di vista panoramico. La temperatura di abbassa fino a tremare come in preda ad attacchi epilettici e la vista della strada che scende, non ha bisogno di commenti…

… anche perché è meglio non scriverli. Deja vu. Per la cronaca, il panorama in questione, sarebbe stato questo:

Nonostante tutta la pioggia, nebbia e freddo, l’arrivo al traghetto è puntuale. Dopo il salasso del biglietto ed uno spuntino con le ormai immancabili patatine ricoperte di cioccolato

parte un tragitto sul Lysefjord che dovrebbe regalare paesaggi meravigliosi. L’inizio è promettente

ma arrivati davanti al Preikestolen, lo spettacolo sa di una scena già vissuta, specialmente da Tomma.

Il paragone è inequivocabile ed impietoso…

Essendo il preikestolen la pietra del pulpito, il monsignore parla.

Si sbarca e si arriva a Sandness, dove l’ostello si rivela in realtà un albergo. Si va al 7 eleven di fiducia per comprare l’acqua… e come rinunciare a quella aromatizzata al mirtillo? Finalmente ci si può riposare dopo la lunga giornata di oggi… ma non prima di una cena da re!

Trattativa Smiling: nonostante le incomprensioni ed il fatto di aver ricorso ad un professionista di dubbia professionalità, si conta di non voler perdere un elemento base nella formazione dei LostBikers. Si giunge quindi ad una ultima offerta fatta in terra norvegese, che consta di:

  • Un pacchetto di biscotti Gjende
  • Una cena a base di wurstelloni farciti al formaggio avvolti nella pancetta ed affogati nelle salse
  • Una mano per eliminare la vecchia dall’appartamento appena acquistato da smiling
  • Aiuto per il successivo trasloco (essendo ing. come supervisore ai lavori)
  • Mancata trucidazione per qualche mese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...