Alla conquista della Svezia

Da: Goteborg
A: Stoccolma
Km parziali: 503
Km totali: 692
Tempo: Sereno
Temperatura: 27-30°C
Condizioni LostBikers: Buone
Condizioni Moto: TDM ottime Hornet ai box

I cari LostBikers pensavano di dormire un po’ di più… ed invece, alle 7 una dolcissima voce teutonica intimava a tutti i naviganti di svegliarsi immediatamente! I due scattano sull’attenti ed immediatamente, si preparano e vanno a fare colazione, azzardando un pericolosissimo caffèlatte straniero e stupendosi di quello che una persona continentale può mangiare al mattino… (uova sode, salsiccie, asparagi, cetrioli, gamberetti, cipolle fritte e molte altre schifezze)!
Alla fine della veloce colazione, il capitano Stubing già intravvedeva la meta della traversata…

29062009-DSC_0004

Finalmente è arrivato il fatidico momento di conquistare la penisola scandinava e i Lost Bikers non si fanno assolutamente pregare: dopo un rapido giro amarcord per Goteborg (Gothia Cup ‘87 e ‘88).

29062009-DSC_0109

29062009-DSC_0116

Il freddo di ieri in Germania è dimenticato, in Svezia allo sbarco alle 9 del mattino ci sono 27°… è decisamente caldino!!!

Cominciano a macinare km, finchè non arriva il momento del primo rifornimento: alla cassa automatica Tomma7 prova nell’ordine: carta di credito Poste Pay, carta di credito – bancomat Carige, codice fiscale, tessera ingresso palestra, badge Ansaldo, abbonamento del Genoa, carta fedeltà Iper… ma tutti i tentativi sono vani, uscendone sconfitto e rassegnato a inserire banconote per fare benzina.
Si riprende la via di Stoccolma ed il paesaggio è molto vario: laghi, conifere, conifere, laghi, conifere, conifere… vabbè… è tutto uguale qui!
Finalmente arriva il momento del lauto pranzo dei LostBikers:

29062009-DSC_0117

Prima di partire nuovamente scatta l’idea geniale: beviamoci una Rad Bull! Tomma7, decentemente riposato, non abbioccato dal pranzo e dopato al punto giusto diventa una psicopatica macchina da guerra macinachilometri ed entra in modalità “nonmifermoneanchemorto”. I due si ricongiungono poco prima di Stoccolma ed entrano in città.
“Meno male che in città abbiamo il navigatore”… ultime parole famose! Stoccolma è un labirinto terribile di tunnel sotterranei dove non c’è segnale satellitare che tenga e così ci si immerge nel bollente traffico cittadino tra curiose costruzioni.

29062009-DSC_0121

Ed è proprio qui che scatta il dramma giornaliero: nonostante tutte le scrupolose verifiche effettuate dal pignolissimo Smiling76, la ventola di raffreddamento del motore non parte, mandando in ebollizione tutto il liquido del radiatore. Sosta ai box ed intervento in loco: il problema è risolto con la sotituzione di un maledettissimo fusibile bruciato.

29062009-DSC_0123

Dopo tutti i turpiloqui del tranquillissimo Smiling76, si arriva all’ostello. Nonostante i 500 km percorsi, i LostBikers, incuranti della fatica, si dirigono verso il centro di Stoccolma, lasciando ferma la moto ancora infortunata e bisognosa di alcune attenzioni.

29062009-DSC_0175

29062009-DSC_0199

29062009-DSC_0203

Dopo la pappa e il mega gelato, i due ragazzi cominciano ad apparire un po’ appannati… e da LostBikers, diventano GhostBikers:

29062009-DSC_0214

Il cielo è ancora chiaro, sembrano le 9 di sera ed invece l’orologio rivela la triste verità: è mezzanotte passata e decisamente l’ora di andare a dormire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...