Le ultime foto, quelle belle

Il mini-raid in Baviera e dintorni ormai è agli sgoccioli ma sfortunatamente per l’arte fotografica i 5 malati di mente hanno ancora qualche colpo da sparare.

Eppure l’alba era sorta sotto i migliori auspici con calma e rilassatezza in un ambiente idilliaco.

01__TOM4767.jpg

Lo stato di serenità dura però meno di un battito di ciglia: basta rendersi conto dell’inizio dell’orario per la colazione per trasformarsi in orribili bestie di satana, pronte a sacrificare sull’altare dell’obesità e dei trigliceridi ogni concetto basilare della fotografia, facendosi un meraviglioso selfie più storto che mai.

02_IMG_2467.jpg

Caricati armi e bagagli sul fido pulmino, si parte per il vicino Lago di Resia, per immortalare finalmente il campanile illuminato dal sole…

03__TOM4773.jpg

… ed ovviamente trovare il tempo di umiliarsi nel modo peggiore possibile.

04_IMG_3761.jpg

Alla vista di tale scempio, le forze dell’ordine decretano l’espulsione per sempre del Black Star Team che si vede quindi obbligato a cominciare il triste rientro verso casa.

Tra le varie possibilità di itinerario, lo stratega Tomma, astuto come una vera volpe del deserto, conduce il gruppo sulle strade più riposanti possibile…

05__TOM4794.jpg

… il Passo dello Stelvio!

L’eroico autista Fabrizio conduce il mezzo con sapienza e precisione attraverso i 48 tornanti senza causare vomito incontrollato a nessuno e trovando anche il tempo di godersi il panorama.

06__TOM4799.jpg

Infine, il secondo passo alpino più alto d’Europa è conquistato.

07__TOM4814.jpg

Fatto un giro all’incredibile temperatura di 10 gradi tra sciatori in canottiera, a poco a poco si palesa definitivamente il vero motivo di cotanta scalata… il mega panino dello Stelvio, un vero must del disordine alimentare!

08_IMG_2480.jpg

Ed è qui, proprio nell’ultima tappa di questo glorioso viaggio-workshop, che la fotografia termina la propria agonia, decedendo con il più classico degli omicidi artistici: il dito davanti all’obiettivo.

09_IMG_2478.jpg

Con questa ultima nefandezza si chiude l’avventura dei nostri eroi, ai quali non resta altro che godersi 400 km di strada di rientro con meravigliose code in ogni tratto stradale, costringendo così a sgranare i propri rosari di blasfemia prima del definitivo arrivo a casa.

Da: San Valentino alla Muta
A: Genova
Km parziali: 446
Km totali: 1455
Posti: Lago di Resia
Passo dello Stelvio
Notte: Casa
Temperatura: Min 3 max 21
Meteo: Sereno
Note:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...